La teoria delle schede S3

Nel progettare questi piccoli accessori ci siamo basati fondamentalmente sui tre settori parzialmente sovrapposti che sono

La teoria delle schede S3

cercando di centrare il punto di sovrapposizione (il giallo nella figura) dei 3 campi citati con le nostre realizzazioni.

Ma diamo un attimo una definizione schematica dei tre campi citati per cercare di capire meglio:

La tele-informatica è quella dei PC accoppiati ad un modem, che non è nata certo con Internet, ma che preesisteva fin da quando gli elaboratori sono nati.

In questo campo troviamo la possibilità di creare complesse simulazioni di intelligenza, possibilità di generare programmi specifici per un certo scopo e la possibilità di trasmettere dei dati a grande distanza.

Sempre in questo campo, con un poco di istruzione, è possibile imparare a "costruire" dei programmi (usando gli appositi linguaggi) i quali possono calcolare con estrema precisione il momento più adatto per accendere il riscaldamento di casa o la luce elettrica in cucina.

Però il computer finora non aveva mai avuto con facilità il modo di azionare un interruttore o manovrare una valvola dell'acqua.

L'automazione industriale lo faceva! Eccome se lo faceva! Però l'automazione industriale basata sui PLC non era altrettanto facile e standardizzata da imparare ad usare, aveva ed ha costi decisamente più elevati e non era altrettanto predisposta alla trasmissione a distanza delle informazioni.

In pratica lavorare coi PLC significava imparare una tecnologia che al cambiare del PLC andava quasi completamente persa, significava costruire simulazioni in gran parte rigide, automazioni chiuse su se stesse.

La domotica poi, una branca tecnica di recente "costituzione" altro non è che la riedizione in chiave domestica dei problemi che affliggono l'automazione industriale.

I costi sono certo più contenuti, ma ancora non abbiamo una facile interazione con il mondo della telecomunicazione, non abbiamo una programmabilità molto flessibile (anzi nel caso della domotica i programmi vengono in genere stabiliti dal produttore e non certo dall'utilizzatore).

Anche in domotica lo spazio alla fantasia è quasi nullo: si prendono certi elementi, si collegano come da manuale e se ne ottengono le prestazioni previste senza grosse possibilità di generare architetture specifiche con programmi e comportamenti assolutamente atipici.

Quello che abbiamo fatto noi è creare una serie di oggetti che permettano al computer (con tutti i vantaggi della tele-informatica) di essere utilizzati sia come elementi di automazione industriale, sia come elementi di domotica.

L'importanza di tutto ciò non è tanto rivolta verso l'asservimento al computer, quanto alla possibilità che offriamo, di usare la propria fantasia per affrontare e risolvere i problemi nel modo che più vi piacerà.

Segnala Digicsoft Srl a un tuo amicoAggiungi il sito Digicsoft tra i tuoi siti preferiti

 Logo Digicsoft s.r.l.soluzioni personalizzate per la sicurezza, il controllo automatizzato e l'informatica applicata a prolemi pratici